L’antica pieve di Cantalovo e i segni del terremoto: dalle mappe di deformazione alla stratigrafia nella ricerca e identificazione dei meccanismi di crollo

Arianna Pesci, Elena Bonali, Enzo Boschi

Abstract


L’intervento di restauro non può prescindere dalla comprensione storica e strutturale del monumento. Il primo aspetto si esaurisce in una accurato studio delle fonti storiche e nella lettura dei segni architettonici mentre il secondo aspetto approfondisce gli assetti di equilibrio che nei secoli sono stati assunti dalla costruzione in risposta a mutati stati di equilibrio.

Entrambi gli aspetti sono sintetizzati dalle mappe di deviazione ottenute dall’elaborazione dei dati del rilievo laser scanner e opportune primitive rappresentanti i macro-elementi in cui viene suddivisa la struttura.

In particolare, coniugando la lettura delle mappe di deformazione con tecniche di lettura tematica del monumento si è sviluppato un metodo efficace per individuare precocemente i meccanismi di danno da terremoto e per ricostruirne la storia del danno. Tale metodo è ancora più utile in condizioni di pericolo in quanto esso si basa su tecniche che non necessitano del contatto con l’edificio. La pieve di Cantalovo (Verona, Italia), colpita da sisma nel XII sec. , è stata studiata portandone alla luce la storia dei danni e gli attuali meccanismi di danno in atto.

The restoration is based on the comprehension of the monument architectural history and of its structural behavior. The fi rst topic regards historical sources and architectural marks understanding while the second one focuses on changes in time of structural balance. The deviations maps, obtained from laser scanning data processing and representative macro-elements primitives, can summarize both. In particular it is possible to elaborate an effi cient method to detect and study the damage mechanism, also providing information and dating past restorations, based on contactless and independent TLS and data imaging measurements.
The method is applied to obtain the deformation state of Cantalovo’s church (Verona, IT), struck by earthquake on XII, pointing out both historical and present day damage mechanisms.


Parole chiave


laser scanning; deformazione; pieve; terremoto

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Bonora, F., 1979. Proposta metodologica per uno studio storico dei mattoni, in: Il mattone di Venezia, Atti del Convegno presso Fondazione Cini,1979, pp. 229- 239

Castagnetti, A., 1976. La pieve rurale nell’Italia padana. Territorio, organizzazione patrimoniale e vicende della pieve veronese di San Pietro di «Tillida» dall’alto medioevo al secolo XIII, Roma, 1976, 36

D’Arcais, F.F., 1981a. Aspetti dell’architettura chiesastica a Verona tra l’alto e il basso medioevo, in Chiese e Monasteri nel territorio Veronese, Ed. G. Borelli (1981), Verona.

Doglioni, F., Mazzotti, P., 2007. Codice di pratica per gli interventi di miglioramento sismico nel restauro del patrimonio architettonico. Integrazioni alla luce delle esperienze della Regione Marche, Ed. Regione Marche (2007), ISBN: 8890266902

Milano, L., Mannella, A., Morisi, C., Martinelli, A., 2008. Schede illustrative dei principali meccanismi di collasso locali negli edifici esistenti in muratura e dei relativi modelli cinematici di analisi, in: Allegato alle Linee Guida per la Riparazione e il Rafforzamento di elementi strutturali, Tamponature e Partizioni (2008) (accessed: 21 February 2012).

Pesci, A., Teza, G., Bonali, E., 2011a. Terrestrial laser scanner resolution: numerical simulations and experiments on spatial sampling optimization. Remote Sens. 3, 167-184; doi:10.3390/rs3010167

Pesci A., Casula G., Boschi E., 2011b. Laser scanning the Garisenda and Asinelli towers in Bologna (Italy): detailed deformation patterns of two ancient leaning buildings, Journal of Cultural Heritage 12 (2) 117-127.

Pesci A., Bonali E., Galli C., Boschi E., 2011c. Laser scanning and digital imaging for the investigation of an ancient building: Palazzo d’Accursio study case (Bologna, Italy). Journal of Cultural Heritage. doi:10.1016/j.culher.2011.09.004


Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Aggiungi un commento