Dal rilievo in Camera-scanner alla piattaforma di fruizione QTVR-based stereoscopica. Metodologie integrate per il monitoraggio e la valorizzazione delle superfici pittoriche in ambiente rupestre

Massimo Limoncelli, Claudio Germinario

Abstract


Il contributo illustra la recente attività di ricerca realizzata in collaborazione con le Cattedre di Storia dell’Arte Medievale dell’Università del Salento (Prof. Marina Falla Castelfranchi) e dell’Università di Bari (Prof. Gioia Bertelli). Il lavoro, realizzato nel corso del 2015, ha riguardato  il rilievo e il monitoraggio di alcune pitture ad affresco presenti all’interno di tre chiese rupestri della Puglia meridionale: la cd. Lama d’Antico e la chiesa di San Lorenzo a Fasano (BR) e la cripta detta dei Santi Stefani a Vaste di Poggiardo (LE)[1], tutte caratterizzate da invasi con forme e dimensioni differenti tra loro.

La prima chiesa presenta una pianta allungata a due navate diseguali, interrotte al centro, in corrispondenza dell’ingresso, da una cupola a cui si innestano tre bracci di croce con il  soffitto realizzato a volte a botte. L’area presbiteriale è chiusa da due absidi e dalla nicchia del diaconico mentre le pareti sono scandite su tre lati da arcate cieche. La seconda chiesa, di San Lorenzo, è caratterizzata da un’aula pressoché quadrata con un unico pilastro al centro e separata da un’iconostasi a due ingressi dall’area presbiteriale su cui si aprono due absidi, una semicircolare e l’altra rettangolare. Infine, la terza chiesa presenta un’aula suddivisa da sei pilastri in tre navate desinenti ad est in altrettante absidi semicircolari. Tutte e tre gli ambienti rupestri  sono decorati da differenti cicli pittorici collocabili cronologicamente tra XII e XVI secolo.


Parole chiave


valorizzazione; fruizione: restauro virtuale; fotogrammetria;

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


BERTELLI G., TEDESCHI L., LEPORE G. 2004. La chiesa rupestre di Lama d’Antico e alcune proposte per una catalogazione degli insediamenti in rupe, in Atti del I Convegno internazionale sulla civiltà rupestre, Spoleto, pp.159-188

BERTELLI G. 2007, Strutture e morfologie degli insediamenti rupestri. Alcune riflessioni su Lama d’Antico, S.Lorenzo, S. Giovanni, Lamalunga e la Lama di Seppannibale in agro di Fasano, in Atti del II Convegno Internazionale sulla civiltà rupestre (Savelletri di Fasano BR, 24-26 novembre 2005), Spoleto, pp.93-117.

CHIONNA A. 1975, Insediamenti rupestri nel territorio di Fasano (BR), Fasano.

DELL’AQUILA F., MESSINA A 1998, Le chiese rupestri di Puglia e Basilicata, Bari.

DOUGLAS M., LIN S., CHODORONEK M. 2015, The applications of 3D Photogrammetry for in-field documentation archaeological features, in Journal of Society for American Archaeology, 3, 136-152.

FONSECA C.D. 1979, Insediamenti rupestri medievali del Basso Salento, Galatina.

FALLA CASTELFRANCHI M. 1991, La Pittura Monumentale in Puglia e Basilicata, Milano.

REMONDINO F., HAKIM S. 2006, Image based 3d Modelling. A review. in The Photogrammetric Record, 21, 269-291.


Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Aggiungi un commento